Zak Brown ha ammesso che sia Jimmie Johnson che Jenson Button sono interessati a correre con una terza Arrow McLaren SP-Chevrolet in IndyCar, mentre Fernando Alonso potrebbe fare altre gare oltre alla 500 Miglia di Indianapolis.

Stando alle notizie raccolte da Motorsport.com, per ora lo spagnolo è l’unico che ha la certezza di salire sulla monoposto statunitense, cosa che in teoria potrebbe fare anche al GP di Indianapolis assieme a Patricio O’Ward ed Oliver Askew, anche se la pandemia di Coronavirus ha messo tutto in stand-by.

Johnson nel 2020 affronterà l’ultima stagione in NASCAR e ad aprile ha provato la McLaren SP al Barber Motorsports Park, ma con i calendari rimescolati per via del Covid-19 il suo debutto nella serie potrebbe essere posticipato al 2021.

A marzo Motorsport.com era venuto a conoscenza che la Arrow McLaren SP era in procinto di preparare una terza vettura per Button, che avrebbe dovuto correre il 21 giugno a Road America.

James Allen e Jonathan Noble hanno quindi chiesto a Brown le prospettive per una iscrizione riguardante Johnson e Button, che per ora sono stati congelati in attesa di evoluzioni della situazione.

“Ho parlato con tutti e tre e gli piacerebbe molto correre in IndyCar – ha detto l’AD di McLaren a Motorsport.com nel podcast registrato per il ciclo #thinkingforward – Sono piloti molto competitivi, ma purtroppo quest’anno credo che ci saranno delle restrizioni sui test, dunque sarà difficile vederli in azione perché non credo che vogliamo salire in macchina e girare già al venerdì nelle Prove Libere senza averla prima provata”.

“Si tratta di gente molto professionale e con grande spirito di competizione, per questo la vedo dura che possano affrontare una situazione del genere senza possibilità di allenarsi. Ma non mi sorprenderebbe che uno di loro prima o poi approdasse in IndyCar.

motorsport.com