Anteprima Assen: “È bello riavere i fan”.

Il prossimo fine settimana si svolgerà ad Assen il quarto round della stagione DTM di quest’anno. Per il DTM, è la seconda apparizione in pista nei Paesi Bassi dopo il 2019, una prima per Fabio Schererer. Il più giovane pilota in campo a 21 anni non ha mai guidato ad Assen, ma non vede l’ora di partecipare alle gare di sabato e domenica.

“La pista mi fa una rapida impressione sulla carta”, dice Fabio. “E’ molto vario e il layout dovrebbe fare al caso mio. Non vedo l’ora. Le nuove piste sono sempre una nuova sfida. E questo mi piace”.

Per il pilota del WRT Team Audi Sport, il fine settimana è tutto incentrato sull’acquisizione di ulteriore esperienza. La qualificazione sarà particolarmente importante. “Abbiamo analizzato le ultime sessioni di qualificazione e speriamo di fare un passo avanti questo fine settimana. Poiché le lacune nel DTM sono molto piccole, pochi decimi di secondo possono fare una grande differenza. Ad Assen, dove il sorpasso probabilmente non sarà facile, una buona posizione di partenza è tanto più importante.

Per la prima volta in questa stagione gli spettatori saranno sul posto ad Assen. Grazie a un ingegnoso concetto di protezione, saranno ammessi 10.000 tifosi al giorno. Questo piace anche al debuttante DTM Schererer, che è supportato da STOBAG e ATS Banding Systems. “Sarà una bella sensazione stare in piedi sulla griglia di partenza e vedere i tifosi”, dice Fabio. “Ci sarà anche qualcuno che viaggerà dalla Svizzera appositamente per l’evento. Questa è ovviamente una motivazione in più per me”.

Anche il direttore sportivo Vincent Vosse del WRT Team Audi Sport non vede l’ora che arrivi il prossimo fine settimana: “Nel DTM si tratta di confermare i miglioramenti che siamo riusciti a fare nei due turni del Lausitzring. Abbiamo dimostrato di poter stabilire un buon ritmo sia in qualifica che in gara, ma ora dobbiamo mettere tutti i componenti sotto lo stesso tetto e fare attenzione ad evitare piccoli errori. Assen, dove siamo stati molto solidi l’anno scorso, potrebbe essere una buona pista per dimostrarlo.